CONFARTIGIANATO SIRACUSA – MOMENTI DI SOLIDARIETA’ PRESSO L’ASSOCIAZIONE AGAPE di Pachino

Il Presidente provinciale dell’associazione dei pensionati ANAP – Confartigianato Imprese di Siracusa Salvatore Campisi, noto imprenditore di Marzamemi, ha consegnato agli ospiti del centro diurno e del progetto “DOPO DI NOI” promosso e gestito dall’Associazione “AGAPE” di Pachino, un piccolo omaggio a nome di Confartigianato Imprese Siracusa. Sono stati consegnati dei panettoni a tutti gli ospiti “speciali” della struttura che hanno apprezzato tantissimo il gesto regalando sorrisi e frasi di ringraziamento.

Prosegue così la vicinanza di Confartigianato Siracusa all’associazione AGAPE già destinataria del pulmino attrezzato per il trasporto dei diversamente abili consegnato nel Luglio del 2019 e frutto delle donazioni del 5 per mille destinate all’ANCOS Associazione Nazionale di Promozione Sociale del sistema Confartigianato.

Come sempre, si sono vissuti momenti di commozione e di gioia per i ragazzi che frequentano il centro e che, tra le altre attività svolte, producono attraverso l’annesso laboratorio artigianale, prodotti ed oggetti tipici oltre al confezionamento di conserve e marmellate derivanti dalla lavorazione dei prodotti agricoli della zona.

Campisi dopo aver portato il saluto del Presidente provinciale Daniele La Porta e del direttore provinciale Vincenzo Caschetto, ha sottolineato come i gesti di solidarietà nei confronti di questi splenditi ragazzi siano oramai un appuntamento fisso di Confartigianato Siracusa.

A margine della consegna, il responsabile della struttura Prof. Giuseppe Vassalli, ha ringraziato Confartigianato Siracusa per la vicinanza dimostrata in questi anni auspicando che si possa continuare in questa collaborazione. Sono infatti necessari ulteriori gesti di solidarietà affinché si possa completare tutta la struttura situata presso i locali della parrocchia del “Sacro Cuore di Gesù” a Pachino, che oltre alle attività di laboratorio, assiste H 24 quei soggetti bisognosi che non avendo più il conforto delle proprie famiglie sono rimasti in solitudine fornendo loro vitto e alloggio.

Il piacevole incontro si è concluso con l’appello di Campisi a mettere in atto, ciascuno per le proprie possibilità, gesti di solidarietà nei confronti dei bisognosi e dei meno fortunati in genere.